In base alla normativa in materia di privacy applicabile, FIR-CISL titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.
Stampa

MONDO RICERCA. Un'italiana al vertice del Jefferson Lab

ROSSI

Patrizia Rossi, ricercatrice dei Laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN è stata nominata vice direttore della Divisione Fisica del Jefferson Lab negli Stati Uniti. E’ un incarico prestigioso che premia la ricerca italiana.

Il Jefferson Lab – “JLab”, che si trova a Newport News in Virginia – è infatti un leader mondiale nelle ricerche di fisica nucleare. Il laboratorio impiega oltre 800 persone e vi fanno riferimento oltre 1.300 scienziati da tutto il mondo che utilizzano le sue strutture per condurre esperimenti. E’ uno dei 10 laboratori nazionali americani finanziati dal Department of Energy Office of Science degli Stati Uniti.

Nata a Roma nel 1960, Patrizia Rossi si è laureata in fisica all’Università di Roma La Sapienza nel 1986. Nel 1988 ha ricevuto una borsa di studio dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare ed è entrata nel 1990 a far parte dei Laboratori Nazionali di Frascati.

La sua ricerca si concentra sullo studio della struttura delle particelle che compongono i nuclei atomici e sulla forza forte. Il suo lavoro l’ha portata a svolgere esperimenti a Frascati, ai laboratori DESY ad Amburgo in Germania e ESRF a Grenoble in Francia. Oltre che al Jefferson Lab.

Rolf Ent, direttore per la fisica nucleare del JLab ha dichiarato che “Patrizia darà un contributo particolarmente significativo ai programmi di ricerca sulla fisica nucleare del Jefferson Lab, in particolare per la pianificazione della Physics Division, per l’ottimizzazione della produttività e delle collaborazioni e per incrementare la nostra visibilità scientifica”.

Per scegliere il nuovo vice direttore del Jlab, si sono dovuti esaminare molti candidati provenienti da tutto il mondo. A esaminarli è stata una commissione di esperti di fisica nucleare. Tra i commissari vi erano anche Bob McKeown (vice direttore del Jefferson Lab) e Don Geesaman (ex direttore della divisione fisica dell’Argonne National Lab).

(Pubblicato da Paolo Valente - 9 Febbraio 2012)

Conferenza Organizzativa

manifesto noi cisl