In base alla normativa in materia di privacy applicabile, FIR-CISL titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.
Stampa

De Biase: "Adesso apriamo una nuova fase di rilancio"

Un sistema pubblico messo in condizione di funzionare costituisce un valore e non un peso come, invece, in troppi cercano di far credere. E questo è ancora più vero per un settore come quello della ricerca che di politiche destinate alla crescita si nutre. Invece gli ultimi anni sono stati caratterizzati da tagli netti agli investimenti e da iniziative legislative incapaci di produrre norme in grado di valorizzare il settore e che spesso ne hanno pure penalizzato
le potenzialità. Un contesto difficile quello definito dalla Fir Cisl, la Federazione della Ricerca, secondo cui non è
più sostenibile il ritardo, provocato dai ministeri competenti, rispetto alle autorizzazioni delle poche assunzioni previste da norme già approvate. ”Siamo ancora in attesa del decreto autorizzativo per le assunzioni a valere sulle risorse rese disponibili dai pensionamenti degli anno 2009 e 2010 - dichiara Giuseppe De Biase, segretario generale Fir Cisl - e dal 2010 la sua situazione è ancor più critica, considerato che si potranno effettuare assunzioni utilizzando
soltanto un quinto delle risorse liberate dai pensionamenti”.

Per la categoria ci si è mossi in maniera scomposta, frazionando le competenze e non con quella attenzione strategica di cui la ricerca ha bisogno. ”la riduzione degli enti di ricerca è una scelta infelice - sottolinea De Biase - ma nonostante questo, con tanti sacrifici, riusciamo ad andare avanti, anche se con sempre maggiore difficoltà”.
A descrivere il malessere la Fir cita un dato davvero preoccupante: per la prima volta negli ultimi vent’anni si è registrata una riduzione della produzione scientifica, chiara conseguenza dei mancati investimenti.
”Dobbiamo aprire una nuova fase per valorizzare la ricerca italiana - conclude De Biase - una fase del fare. Al Governo chiediamo atti concreti che consentano al sistema Italia di poter continuare a contare su ricerca e innovazione”.

LEGGI. Scarica la pagina di Conquiste del Lavoro (del 13 ottobre 2011)