In base alla normativa in materia di privacy applicabile, FIR-CISL titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.
Stampa

Spending review. Il 12 luglio presidio unitario al Miur

E' mobilitazione continua per i ricercatori italiani e il personale di comparto contro i tagli del decreto sulla spending review che penalizzano fortemente il comparto degli enti pubblici. Il presidio di questa mattina davanti al Miur è stata solo un'altra tappa della mobilitazione del personale.

"Siamo stati ricevuti dal Capo Dipartimento Ricerca del Miur, Raffaele Liberali, ma l'incontro è stato insoddisfacente e al di sotto delle aspettative. - commenta Giuseppe De Biase, segretario generale della Fir Cisl - Abbiamo chiesto un incontro con il ministro Francesco Profumo. Siamo convinti che vada affrontata una razionalizzazione della spesa ma senza vanificare le potenzialità degli Enti pubblici e disperdere le competenze e le risorse umane, con particolare attenzione al personale precario".

Proprio per questi motivi i sindacati della ricerca hanno stabilito un nuovo appuntamento il 17 luglio presso l'Istituto Superiore di Sanità.

(Roma, 12 luglio 2012)

_______________________________


Giovedì 12 luglio, dalle ore 10, Presidio unitario presso il MIUR (Viale Trastevere 76/a) promosso da FLC CGIL, FIR CISL e UIL RUA


Con la spending review il Governo dei professori ha varato l’ennesima manovra contro il pubblico impiego e procede allo smantellamento della ricerca pubblica. Riduzione dei finanziamenti agli EPR, taglio del 10% delle dotazioni organiche per il personale tecnico - amministrativo, messa in mobilità del personale, blocco del turn over e delle autorizzazioni ad assumere (fermo al 2008), soppressione ed accorpamento dell’INRAN, con mobilità coatta del personale: ecco la ricetta pensata dal Governo contro la ricerca pubblica.

C’è un'altra vittima predestinata di questa manovra, di cui nessuno parla: il personale precario, destinato di fatto a perdere il posto di lavoro dopo anni di attività all’interno degli EPR. Il tutto perpetrato con cinismo unico ed assoluta noncuranza delle competenze e capacità del personale degli EPR, della perdita di investimenti in formazione e di posti di lavoro qualificati. Depotenziare la ricerca vuole dire penalizzare le capacità di sviluppo sociale ed economico del Paese.

Di fronte a questo attacco scellerato FLC CGIL, FIR CISL e UIL RUA sono decisi ad allargare ed intensificare la mobilitazione nel comparto e nei singoli Enti, assumendo le iniziative necessarie a modificare il decreto sulla spending review ed a difendere la ricerca pubblica. 

(10 luglio 2012)


Conferenza Organizzativa

manifesto noi cisl

Via Merulana, 198 - 00185 Roma Tel: 06/77265400 Fax: 06/70452806 E-MailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Privacy policy